Indagare i motivi del disordine

La prima cosa che viene in mente vedendo una stanza in disordine è che ci vivono delle persone disordinate o pigre, giusto? Un post su Unclutterer fornisce una prospettiva molto diversa: è possibile che il disordine si accumuli in determinati angoli della casa per un motivo preciso che non ha niente a che fare con la buona volontà dei suoi abitanti.

Tre esempi.

  • Un angolo della cucina in cui si accumulano oggetti di ogni tipo che dovrebbero stare in un determinato cassetto. Peccato che quel cassetto sia pieno di contenitori di plastica buttati alla rinfusa e che aprirlo comporta dover poi perdere tempo a cercare di farci rientrare i contenitori ribelli. Dopo aver sistemato i contenitori ecco che “magicamente” tutti gli oggetti che venivano depositati sul banco della cucina vengono ora riposti nel giusto cassetto.
  • L’angolo dietro la porta sul retro di casa, dove i bambini di ritorno da scuola buttano sul pavimento zaini, cappotti, cappelli, ecc. Bambini disobbedienti e disordinati?
    Non proprio…l’appendiabiti dietro la porta dove avrebbero dovuto mettere le loro cose era pericolante da qualche mese e i bambini se ne erano accorti, così piuttosto che rischiare cadute lasciavano tutto sul pavimento. È bastato sostituire l’appendiabiti e farlo notare ai bambini per ottenere l’effetto desiderato.
  • Stessa cosa in ufficio: se la cassettiera si trova dall’altra parte della stanza quante probabilità ci sono che fogli vari finiscano per stazionare sulla scrivania invece di essere riposti?

Non si tratta di processi consci e razionali del tipo “dato che l’appendiabiti è rotto lascio tutto per terra” ma piuttosto di abitudini dettate dalla tendenza umana a seguire la via più facile, quella che richiede meno sforzo.

Quindi se notate in casa dei punti in cui il disordine si accumula senza speranza, provate a fare i “detective”, chiedetevi perché succede: potreste scoprire che il motivo è molto diverso da quello che pensavate.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...